Effetto Intelligenza Artificiale

EFFETTO INTELLIGENZA ARTIFICIALE
La rivoluzione degli algoritmi

Venerdì 20 ottobre 2017, ore 17 conferenza per gli studenti
Venerdì 20 ottobre 2017, ore 21

Auditorium Fondazione Ferrero,strada di Mezzo 44, Alba (Cn)

Le macchine raggiungeranno prestazioni umane? Interagiremo con i computer come se fossero persone? L’Intelligenza Artificiale migliorerà la qualità della vita?

Sono alcuni degli argomenti al centro della conferenza che il professor Riccardo Zecchina dell’Università Bocconi di Milano terrà alla Fondazione Ferrero di Alba il 20 ottobre 2017.

Nel 1996 il computer Deep Blue batté il campione mondiale di scacchi Kasparov. Non era intelligente: vinse con la velocità nell’esaminare le mosse possibili. Nell’aprile 2016 la rivista “Nature” ha dato notizia della vittoria di un computer, e quindi dell’algoritmo che ne costituiva l’anima, sul campione mondiale di un antichissimo gioco orientale: il go. Le combinazioni che questo gioco offre sono 2 x 10 elevato alla 170. E’ inconcepibile quanto sia grande questo numero. Possiamo farcene un’idea ricordando che tutte le particelle atomiche che costituiscono l’universo sono 10 elevato alla 82. Esistono già algoritmi che giocano a poker, dove fattori umani come il bluff e la propensione al rischio contano più della matematica. L’Intelligenza artificiale sta vivendo una nuova stagione. Poco per volta le macchine imparano a imparare, anche dai propri errori. Cerchiamo di capire dove possono arrivare.

Riccardo Zecchina è professore di fisica teorica all’Università Bocconi di Milano e responsabile dell’Unità di biologia computazionale alla Human Genetics Foundation. Ultimo allievo di Tullio Regge, tra i suoi interessi di ricerca possiamo elencare la fisica statistica, le neuroscienze computazionali, l’inferenza statistica. Insieme con Giorgio Parisi nel 2016 è stato insignito del prestigioso Premio Lars Onsager della American Physical Society.

L’ingresso alla conferenza è libero fino a esaurimento posti.